Vai al contenuto principale

Menu

Escursionismo

Pizzi di Parlasco

Escursionismo ai Pizzi di Parlasco: salita per la Porta di Parlasco e rientro ad anello per il Passo di Agueglio

Pizzi di Parlasco, la Valsassina dalla cresta
La Valsassina dalla cresta

Continua la scoperta di nuovi itinerari nell’amata Valsassina con la bella traversata dei Pizzi di Parlasco. L’itinerario si svolge lungo le propaggini settentrionali del gruppo delle Grigne e tocca tre cime: la Cima del Cavèe1501m, la Cima di Dass 1509m ed il Sasso Mottolino 1508m, per poi terminare a Bellano sulla riva del lago di Como. A dispetto della modesta elevazione il percorso si svolge in un ambiente vario, selvaggio e di grande interesse naturalistico e paesaggistico. Consigliatissimo in autunno!

Da Parlasco alla cresta

Festeggio il mio compleanno con una levata mattutina ed assieme a mio papà raggiungiamo il parcheggio posto a lato della chiesa di S. Antonio a Parlasco, il paese dipinto. Lasciata l’auto ritorniamo brevemente verso la strada da cui siamo arrivati per imboccare subito una sterrata sulla destra che ci porta in lieve salita ad una cascina isolata.

Qui abbandoniamo il sentiero che prosegue a mezzacosta per prendere una diramazione sulla destra che sale ripida nel bosco fino ad incontrare una pista tagliafuoco in prossimità di una sbarra con l’indicazione sentiero 1. Il sentiero non è facile da trovare, la traccia gps allegata può aiutarvi.

Pizzi di Parlasco, la Cima di Daas
La Cima di Daas

Da qui in poi saliamo per un ripido sentiero, con molte svolte, nel rado bosco per raggiungere prima la miniera abbandonata di manganese a quota 1180m e poi il Passo del Cavée o Porta di Parlasco a 1315m. Qui incrociamo il sentiero che proviene dal Cainallo. Iniziamo il nostro percorso di cresta che con vari saliscendi, ripide salite, tratti misti di erba e roccette ci fa scavalcare in successione la Cima del Cavèe, la Cima di Daas con la sua croce e il Sasso Mottolino che conquistiamo con l’ausilio di qualche catena.

Stiamo quasi sempre sul filo di cresta o sul versante SW percorrendo un sentiero discretamente visibile e segnalato. Fra la Cima di Daas e il Sasso Mottolino incrociamo il canale di uscita della via Forrest G.A.M.P. difficile percorso di misto realizzato nel febbraio del 2014 da tre bravi alpinisti lecchesi.

Rientro dal Passo di Agueglio

Dal sasso Mottolino scendiamo per il ripido sentiero aiutati da tratti di cavo metallico fino al Passo di Agueglio, quota 1138m, dove troviamo la Cappelletta di San Defendente ed incrociamo la strada provinciale Parlasco-Esino Lario. Fatichiamo un poco a trovare il sentiero che ci riporterà a Parlasco! La traccia si perde e solo una volta entrati nel bosco in direzione N rispetto alla cappelletta, il sentiero ritorno evidente e segnalato.

Parlasco, il Borgo affrescato
Parlasco, il Borgo affrescato

La discesa avviene senza problemi tenendo sempre la destra ed ignorando le indicazioni per Pedigno, fino ad incontrare la strada provinciale Parlasco-Esino Lario che un breve ci riporta a Parlasco ed al parcheggio. Non tralasciamo di attraversare il paese ed ammirare i dipinti con le storie di Lasco il bandito della Valssassina.

Bell’itinerario, vario, panoramico, con un discreto dislivello, non lungo, di contenuta difficoltà EE, da percorrere in autunno. A questo punto penso di avere salito tutte le cime delle Valsassina. Verifico e vi saprò dire!