arrow-downarrow-leftarrow-rightarrow-upbookmarkcameradiskeartheye-blockedfacebookfile-zipgithubgoogleplushomeloadermailmenuprinttwitter
Carico la cover...
 
 
 
 

Cima Piazzi

Quando ero piccolo andavamo spesso a sciare a Livigno. Sulla strada per il Foscagno venivo ogni volta colpito da questa cima e da suoi ghiacciai, prima o poi dovevo salirla. Partiamo Venerdì sera per Eita con la nostra tenda automontante della Quechua e qualche panino da mangiare lungo il tragitto. Ci accampiamo alla partenza della sterrata per il Passo di Verva; fa caldissimo, si può dormire senza sacco a pelo.

Sveglia alle 4:15, partenza alle 5 con le prime luci dell’alba. Ci vuole circa un’ora e mezza per arrivare al Passo. Da qui pieghiamo verso E in direzione della vetta. Conviene dirigersi verso il torrente, rimanendo sulla sua sinistra orografica puntando ad una cascata. Da qui gli ometti diventano più frequenti e il percorso più evidente.

Giunti ad un laghetto, iniziamo a risalire un ripido pendio detritico spaccagambe, pieno di piantine di Genepì. Il peggio però deve ancora arrivare. Giunti alla conca superiore intravediamo la fascia rocciosa che precede i pendii sommitali. Prendiamo il primo canale di sinistra. Ci accorgiamo subito di aver scelto la variante sbagliata: il peggior sfasciume degli ultimi anni. Una stretta ma provvidenziale cengia a picco sul torrente segna la fine del calvario.

Ritroviamo degli ometti; da qui in poi sempre sfaciume ma più umano. Guadagniamo la cresta e infine il nevaio che precede la cima. La paretina finale è facile, si arrampica bene su roccia solida. Finalmente vetta! Purtroppo la canicola di questi giorni ha creato una foschia densissima, si fa fatica a vedere le cime più lontane. Il ghiacciaio è già in agonia, e siamo solo a Giugno.

Scendiamo lungo il percorso di salita fino al salto di roccia. Proviamo la variante di destra (sinistra scendendo). Gli ometti sono più numerosi, segno che è questa la normale”. In effetti è decisamente migliore del nostro itinerario di salita. Discesa massacrante lungo una pietraia infinita, con la mazzata finale del ripido tratto morenico che riporta al lago. Estenuante anche il rientro a Eita, me lo ricorderò!

Non un grande itinerario, anche se la vetta è molto estetica. Molto meglio salire con gli sci dal versante nord in primavera. Sconsigliata la variante di sinistra del salto roccioso. Prendete quella di destra. Casco obbligatorio, volava di tutto.

Grazie per aver stampato questa pagina: se hai trovato utile questo post lascia un commento!
Guarda le foto
  • Canale di sinsitra della Cima Piazzi
  • Cengia esposta
  • Canalone discesa Cima Piazzi
  • Sotto la cima Piazzi
  • Laghetto
  • P6231366
  • P6231367
  • Parta alta
  • Vetta Cima Piazzi
  • Cresta finale Cima Piazzi
  • Paretina finale della Cima Piazzi
  • variante-di-destra-cima-piazzi
Cima Piazzi