Quest’anno è partita la collezione dei 4000. Dopo l’esordio con il facile Breithorn Occidentale 4165m di metà agosto, tento il Castore. Bell’approccio al Rifugio Quintino Sella 3858m partendo dal Colle della Bettaforca 2727m cui siamo arrivati con due comode tratte di funivia/seggiovia. Il Rifugio è veramente confortevole ed in bellissima posizione con vista su tutto il versante S del Monre Rosa e la Pianura Padana. Cena molto buona, foto notturne e poi in branda.

Notte tranquilla grazie anche al non eccessivo affollamento del Rifugio. Solita partenza notturna e dopo i preparativi di rito, via su per il Ghiacciaio del Felik. Dieci centimetri di neve fresca rendono piacevole anche la salita del ripido traverso che, con qualche zig zag, porta al Colle di Felik a quota 4061m.

Il sole ci illumina al colle e preannuncia una giornata splendida anche se freddina e ventosa. Dal colle inizia la cresta che in direzione W con alcuni saliscendi ci porterà fino in vetta. La cresta è splendida e si può percorrere con attenzione certo, ma in assoluta tranquillità, dal momento che non è mai eccessivamente affilata. La vista degli scivoli dei versanti S e N che precipitano verso i sottostanti ghiacciai assicurano un tocco di adrenalina in più.

Percorriamo gli ultimi metri belli carichi ed eccoci in cima al Castore 4221m. Panorama fantastico a trecentosessanta gradio. Verso E la cresta spartiacque che porta dai Lyskamm fino alla Dufour, a W quella che dal Polluce, passando per i Breithorn, arriva fino al Cervino ed a N le cime svizzere della Corona Imperiale.

Cosa volere di più. Rientro rapido fino al Rifugio ove ci godiamo una breve sosta ed un inaspettato incontro con la Guida Alpina e Fotografo Davide Camisasca.